Sulla Tua Parola

Sulla Tua Parola

Chi siamo?

Siamo un piccolo gruppo dei fedeli che si fermano dopo la Santa Messa vespertina di lunedì per condividere il momento di preghiera spontanea. 

L’incontro dura circa 60 minuti, così scanditi:

  • Canto e invocazione dello Spirito Santo
  • Lettura del Vangelo della domenica scorsa 
  • Riflessione sul Vangelo
  • Ascolto e condivisione della riflessione
  • Preghiera di intercessione “per gli altri”
  • Preghiera personale condivisa con gli altri
  • Lettura del Vangelo della domenica che viene
  • Benedizione e chiusura

 

Preghiera Comunitaria

Preghiera Comunitaria

“Sulla Tua Parola”

Un incontro-preghiera con gli amici  e dialogo con il Grande Amico Gesù”. Noi ci raduniamo ogni lunedì dopo la Santa Messa intorno all’altare dove è deposto  la Parola di Dio come centro e protagonista della serata. Un semplice colloquio con Gesù tramite il Vangelo della domenica appena passata per approfondire la Parola, viverLa e attualizzarLa nell’arco della settimana. Ognuno condivide la sua riflessione e “spezza il pane della parola con i fratelli e sorelle”. La preghiera della serata ha la sua dimensione ecclesiale anche se è personale, si abbraccia la preghiera della Chiesa Corpo mistico di Cristo, e con grande carità si prega per la continua conversione di se stessi e dei peccatori.

 

Il Santo Rosario

«Il rosario o salterio della beatissima vergine Maria è un modo piissimo di orazione e di preghiera a Dio, modo facile alla portata di tutti, che consiste nel lodare la stessa beatissima Vergine ripetendo il saluto angelico, per centocinquanta volte, quanti sono i salmi del salterio di David, interponendo ad ogni decina la preghiera del Signore, con determinate meditazioni illustranti l’intera vita del Signore nostro Gesù Cristo». Riproponiamo la definizione di Pio V, come punto di partenza della presente trattazione e come punto di riferimento, sembrandoci essa contenere in mirabile sintesi l’essenza e la configurazione del rosario stesso. La bolla Consueverunt è una pietra miliare nella complessa storia di questa devozione, segna una tappa fondamentale.


Altri appuntamenti da ricordare durante l’anno sono:

 Gennaio
  • Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani
 Febbraio
  • L’11 febbraio (Festa della Madonna di Lourdes), messa per i malati
  • Benedizione alle mamme in attesa durante la Giornata della vita
 Maggio
  • L’8 maggio, Supplica alla Madonna di Pompei alle ore 12:00
 Ottobre
  • La 1° domenica, al termine della messa, Supplica alla Madonna di Pompei
  • Stazioni mariane del Rosario presso i condomini
 Dicembre
  • Novena dell’Immacolata alle ore 18:00
  • Novena in preparazione al S. Natale ore 18:00

Celebrazioni Eucaristiche

La Chiesa ha ricevuto l’Eucaristia da Cristo suo Signore non come un dono, pur prezioso fra tanti altri, ma come il dono per eccellenza, perché dono di se stesso, della sua persona nella sua santa umanità, nonché della sua opera di salvezza. Quando la Chiesa celebra l’Eucaristia, memoriale della morte e risurrezione del suo Signore, questo evento centrale di salvezza è reso realmente presente e «si effettua l’opera della nostra redenzione». Questo sacrificio è talmente decisivo per la salvezza del genere umano che Gesù Cristo l’ha compiuto ed è tornato al Padre soltanto dopo averci lasciato il mezzo per parteciparvi come se vi fossimo stati presenti. Ogni fedele può così prendervi parte e attingerne i frutti inesauribilmente. Questa è la fede, di cui le generazioni cristiane hanno vissuto lungo i secoli.”

(“Ecclesia de Eucharistia“, lettera enciclica di Giovanni Paolo II)

La Messa: la conosciamo?

Ci sono tanti gesti che facciamo tutte le domeniche a Messa. Ma sappiamo che cosa vogliono dire? Oppure sono solo dei gesti che facciamo meccanicamente? Conosciamo il significato delle parole che diciamo e il perché le diciamo in un preciso momento?

Cerchiamo di dare qualche risposta …

  • Che significa Messa?
    La liturgia eucaristica si chiama Messa perché si conclude con l’invio (“missio” in latino) dei fedeli nel mondo per compiervi la volontà di Dio.
  • Perché la Messa è così importante per un cristiano?
    All’origine dell’Eucarestia c’è l’Ultima Cena di Gesù con i discepoli e il suo comando:”Fate questo in memoria di me“(Lc 22,19; I Cor 11,24). Queste le parole di Giovanni Paolo II sulla motivazione di questo atto perpetuato: “Come la Chiesa fa l’Eucaristia, così l’Eucaristia costruisce la Chiesa; e questa verità è strettamente unita al mistero del Giovedì santo. La Chiesa è stata fondata, come comunità nuova del popolo di Dio, nella comunità apostolica di quei Dodici che, durante l’ultima cena, sono divenuti partecipi del Corpo e del Sangue del Signore sotto le specie del pane e del vino. Cristo aveva detto: «Prendete e mangiate…, prendete e bevete». Ed essi, adempiendo questo suo comando, sono entrati, per la prima volta, in comunione sacramentale con il Figlio di Dio, comunione che è pegno di vita eterna. Da quel momento sino alla fine dei secoli, la Chiesa si costruisce mediante la stessa comunione col Figlio di Dio, che è pegno di Pasqua eterna”.

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica

”Voi adorate ciò che non conoscete, noi adoriamo ciò che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei.”

(Gv 4,22)

Contempliamo il mistero

Il Signore ci parla ancora con la sua donazione silenziosa; ci chiama a morire a noi stessi per risorgere alla vita autentica della carità; ci aiuta a discernere secondo una prospettiva pasquale le situazioni e gli avvenimenti.

Ogni mercoledì è dedicato interamente all’Adorazione Eucaristica, per cui tutte le altre attività della parrocchia sono sospese. Gli orari da ricordare sono i seguenti:

  • a partire dalle ore 7,00, inizia l’esposizione del Santissimo
  • alle ore 17,30, adorazione comunitaria oppure la preghiera del Santo Rosario
  • alle ore 18,00 la deposizione eucaristica e la Santa Messa con i Vespri