8 dicembre Festa Patronale

8 dicembre Festa Patronale

Vergine Santa e Immacolata,
a Te, che sei l’onore del nostro popolo
e la custode premurosa della nostra città,
ci rivolgiamo con confidenza e amore.

Tu sei la Tutta Bella, o Maria!
Il peccato non è in Te.

Suscita in tutti noi un rinnovato desiderio di santità:
nella nostra parola rifulga lo splendore della verità,
nelle nostre opere risuoni il canto della carità,
nel nostro corpo e nel nostro cuore abitino purezza e castità,
nella nostra vita si renda presente tutta la bellezza del Vangelo.

Tu sei la Tutta Bella, o Maria!
La Parola di Dio in Te si è fatta carne.

Aiutaci a rimanere in ascolto attento della voce del Signore:
il grido dei poveri non ci lasci mai indifferenti,
la sofferenza dei malati e di chi è nel bisogno non ci trovi distratti,
la solitudine degli anziani e la fragilità dei bambini ci commuovano,
ogni vita umana sia da tutti noi sempre amata e venerata.

Tu sei la Tutta Bella, o Maria!
In Te è la gioia piena della vita beata con Dio.

Fa’ che non smarriamo il significato del nostro cammino terreno:
la luce gentile della fede illumini i nostri giorni,
la forza consolante della speranza orienti i nostri passi,
il calore contagioso dell’amore animi il nostro cuore,
gli occhi di noi tutti rimangano ben fissi là, in Dio, dove è la vera gioia.

Tu sei la Tutta Bella, o Maria!
Ascolta la nostra preghiera, esaudisci la nostra supplica:
sia in noi la bellezza dell’amore misericordioso di Dio in Gesù,
sia questa divina bellezza a salvare noi, la nostra città, il mondo intero.

Amen. (+Francesco Papa)

Programma festa 2019

Mercatino di Carità (domenica 24 novembre)

Mercatino di Carità (domenica 24 novembre)

Questa domenica apriamo il mercatino di carità per i ragazzi e ragazze diversamente abili che si trovano nel sud delle isole Filippine. Il mercatino organizzato dai nostri giovani intende contribuire e acquistare dei materiali didattici. Gli altri anni con quest’iniziativa hanno comperato i materiali basilari tipo sedie, tavoli, ventilatori a muro e pitture per dare più luce all’aula e altre cose necessarie per dare un luogo più dignitoso a questi ragazzi. Contribuisci anche tu a dare speranza a questi meno fortunati di noi.

 

 

Missione Giovani – continuiamo a raccontare Gesù

Missione Giovani – continuiamo a raccontare Gesù

Parliamo insieme di Gesù

Cosa significa?

Significa: Diffondere la Parola di Dio dovunque e a chiunque.

Dobbiamo invogliare gli altri a leggere la Parola e ad ascoltare la Parola.

Ma chi sono poi gli altri? Persone come me e te, che purtroppo nella loro vita non hanno mai avuto l’opportunità che qualcuno gli abbia parlato col cuore di Gesù.

In quello che viene definito il grande mandato, Gesù ha detto “ Andate, dunque e fate discepoli tutte le nazioni . . .   (Matteo 28,19)

 

Che significa? Significa che bisogna portare la Parola ovunque, significa che bisogna predicare Cristo, significa che bisogna portare le persone alla salvezza.

Per divenire poi discepoli di Cristo, ma non è meravigliosamente fantastico?

Invocare e parlare di Gesù, di Colui che ha sacrificato la sua vita per te e per me, di colui che ha subito atroci sofferenze fisiche per te e per me, di Colui che ha dato, e ancora dà tanto di quell’amore, da riempire l’intero universo.

TU ed io dobbiamo farlo, si è un imperativo: dobbiamo farlo e sai perché?

Perché se non c’è chi predica, come le persone possono conoscere Gesù ?

E se non conoscono Gesù, come potranno essere salvati?

Infatti: “ Chiunque avrà invocato il nome del Signore sarà salvato” Come dunque invocheranno colui nel quale non hanno creduto? E come crederanno in colui del quale non hanno udito parlare? E come udiranno se non c’è chi predichi?

(Romani 10, 13-14)

Nutella Party (domenica 10 novembre)

Nutella Party (domenica 10 novembre)

NUTELLA PARTY

Ormai è diventata una tradizione nel nostro oratorio la “Nutella Party”, tanto amato dei bambini ma anche dei ragazzi ed adulti. Che mondo sarebbe senza Nutella? Una domanda che gli italiani si pongono da cinquantun’anni, dato che è stata ideata nel 1964 dall’industria dolciaria piemontese Ferrero, con sede ad Alba (Cuneo). Il nome deriva dal sostantivo nut, che significa “noce” in inglese, e il suffisso italiano ella, per ottenere un nome orecchiabile. Le sue origini si devono a Pietro Ferrero, il quale possedeva una nota azienda per la produzione di nocciole. Nel 1946 vendette per la prima volta una crema misto cioccolata e nocciole, la Pasta Giandujot. Nel 1951 nacque poi la Supercrema, conserva vegetale venduta in grandi barattoli. Poi la svolta nel 1963, quando Michele Ferrero, figlio di Pietro, decise di rinnovare la Supercrema, con l’intenzione di commercializzarla in tutta Europa. Nacque cosi la Nutella. Fa male alla salute, ci accusano i tedeschi, ma ogni tanto per molti fa bene anche all’anima basta che non ci attacchiamo tanto al barattolo.